Accadde oggi

virgoletteblog

29 ottobre 1929

black tuesday 1929New York. All’apertura della Borsa, alcuni speculatori iniziano a vendere azioni. Per frenare il ribasso dei prezzi interviene un gruppo di banchieri coadiuvati da Charles Mitchell, presidente della National City Bank, e direttore della Federal Reserve di New York. La loro strategia è quella di acquistare corposi pacchetti azionari per frenare i ribassi. A fine seduta sembra che l’operazione abbia prodotto i risultati sperati. Ma la giornata passa alla storia come il martedì nero della Borsa, inizio della più grave crisi economica del Novecento: la grande depressione.

View original post

Annunci

Per non sapere né leggere e né scrivere: idee per un’inchiesta approfondita sui mancati pagamenti nel mondo dell’editoria

Federica Aceto

Question mark with books di Miguel Navarro (immagine presa da www.gettyimages.in) Question mark with books di Miguel Navarro
(immagine presa da http://www.gettyimages.in)

Ho letto con molto piacere questo articolo di Marco Bascetta su il manifesto perché finalmente si comincia ad affrontare la questione della prestazione d’opera gratuita e/o della morosità dei clienti (sono due facce della stessa medaglia), soprattutto nell’ambito dei lavori legati alla cultura, con l’attenzione e la competenza che merita un discorso tanto complesso. Ho sempre pensato, anche all’epoca della breve (ma intensa) esperienza di Editori che pagano che la questione andasse ben al di là dei traduttori non pagati e anche ben al di là dell’editoria stessa.
Un giornalista che voglia analizzare il problema del lavoro gratuito volontario o della morosità reiterata e impunita nel campo dell’editoria dovrebbe comunque tener presente che il discorso si inserisce in un contesto molto più vasto e complesso.

View original post 509 altre parole

Accadde oggi

virgoletteblog

30 ottobre 1911

joseph pulitzerSi spegne a Charleston uno dei nomi più noti nella storia del giornalismo, quel Joseph Pulitzer nato a Makò in Ungheria nel 1847 ma in seguito naturalizzato statunitense, al quale è intitolato il più importante premio in campo giornalistico assegnato per la prima volta nel 1917, proprio secondo le volontà del suo ideatore. La carriera di editore di Pulitzer, che agli esordi nel Missouri aveva lavorato come redattore in un quotidiano in lingua tedesca, cominciò con l’acquisto del Post per 3.000 dollari quindi, nel 1878, anche del St. Louis Dispatch che venne accorpato al primo divenendo il St. Louis Post-Dispatch, che rimane ancora oggi il principale quotidiano della città. Divenuto un magnate, nel 1892, Pulitzer offrì alla Columbia University del denaro per dar vita alla prima scuola di giornalismo del mondo, ma per una serie di circostanze il progetto venne realizzato solamente dopo la morte dell’ideatore.

View original post