OggiScienza

16291247342_02264943c1_zCRONACA – 480 voti a favore, 159 voti contrari e 58 astenuti. Sono i numeri con i quali il Parlamento europeo a Strasburgo ha approvato le nuove norme in materia di coltivazioni ogm, dopo quattro anni di negoziati, scegliendo di lasciare la libertà di decidere ai singoli: ogni stato membro dell’UE potrà scegliere in totale autonomia di permettere o meno la coltivazione sul proprio territorio, a prescindere dal parere della Commissione europea e delle valutazioni condotte dall’EFSA, Autorità europea per la sicurezza alimentare, che si occupa e occuperà di approvare i singoli ogm.

Nel caso la decisione sia quella di bloccare la coltivazione di uno o più organismi geneticamente modificati, le motivazioni in mano a uno stato possono variare da ragioni di politica ambientale, di pianificazione urbana e rurale, di politica agricola o riguardanti il possibile impatto socio-economico. Come anche proteggere un particolare ecosistema oppure, in parole povere…

View original post 1.078 altre parole

Annunci